L’operatore Olistico e l’equilibrio energetico

Chi è l’operatore olistico?

 

L’Operatore Olistico è un professionista che si occupa di potenziare e sviluppare quella che viene chiamata “la parte sana della persona”. Nello specifico, con l’applicazione di tecniche corporee egli stimola e armonizza il processo energetico della Persona, sostenendola nello sviluppo del proprio benessere e della consapevolezza di sé.

 

Per capire meglio come opera l’operatore olistico bisognerà introdurre il concetto di medicina psicosomatica. Molto bene, si tratta di una branca della medicina che studia la relazione tra la mente e il corpo, la psiche con il soma che è la nostra parte fisica. Questa relazione si basa sul concetto junghiano di sincronicità (mente-corpo) e mette in evidenza il legame che esiste tra le emozioni che proviamo e il funzionamento del nostro corpo. Dal punto di vista dell’operatore olistico lo studio di questa relazione, di questo legame, è alla base di ogni suo intervento.

 

Non è un caso se viene definito operatore olistico. Olismo, infatti, deriva dal greco e significa “il tutto”. La visione olistica dunque, e le tecniche connesse, coinvolgono tutti gli aspetti dell’individuo: il suo corpo, le sue emozioni, le sue sensazioni e la sua parte spirituale. La persona è nella sua totalità composta di relazione tra corpo, mente e spirito; questa totalità viene definita Equilibrio Energetico. Può capitare che lo stress, la malattia, o altre problematiche possano far perdere questo equilibrio e il compito dell’operatore è appunto quello di riassettare la persona sul proprio equilibrio energetico. Ma anche una persona con un equilibrio energetico sano può beneficiare dell’operatore olistico, perché può insegnare a coltivarlo al meglio e ad accrescere esponenzialmente il proprio benessere. La perfetta unione tra fisico e spirituale porta infatti ad uno stato di coscienza più completo, che è privo di giudizi sullo stato del mondo o su noi stessi.

 

Che cos'è l’Equilibrio Energetico?

 

È l’unione che consente la nostra evoluzione come persona e la manifestazione della vita nella sua totalità. Le tecniche olistiche si basano sulla concezione che l’energia dell’Universo si manifesta in un ciclo continuo di generazione (la creazione della forma) e di rilascio (la forma completa che segue il suo scopo), con un movimento ciclico di ascesa e discesa, di ricezione e di donazione che alimenta la spinta vitale propria di ogni Uomo.

Certamente ognuno di voi ha ben chiari i concetti di corpo ed emozioni; soffermiamoci allora un momento su quella che abbiamo definito parte spirituale per definire meglio cosa si intende.

Nell’essere umano, nel suo corpo, si trova la somma di tutti i passaggi evolutivi degli esseri viventi e in esso, in particolare, convivono tre saggezze fondamentali:

 

· La saggezza istintuale che consente la sopravvivenza nonostante condizioni avverse

· La saggezza affettiva che ci lega all’ambiente circostante e che condividiamo con alcune specie di animali

· La saggezza spirituale, tipica degli uomini, che rende il vivere ricco di vitalità, allegria e piacere

 

La consapevolezza di possedere queste saggezze costituisce quello che possiamo chiamare il nostro Sé; esso è l’essenza più profonda che ci appartiene in quanto esseri umani, ovvero il nostro equilibrio energetico. Il collante che mantiene e guida questa consapevolezza è l’Energia Vitale, che scorre all’interno di ogni individuo. È di fondamentale importanza che questa energia scorra fluida dentro di noi senza ostacoli e che sia nutrita costantemente.

L'energia vitale è ciò che caratterizza la manifestazione della Vita in tutti i suoi aspetti. Dato che la vita dell’individuo è in relazione con l’ambiente che lo circonda, spesso può capitare che la essa venga influenzata da esperienze negative. Il dolore fisico, i traumi infantili nonché i condizionamenti sociali e ambientali possono separarci dalle fondamenta su cui poggia il nostro Sé bloccando lo scorrimento dell’Energia Vitale.

Sebbene non sia semplice dargli una definizione univoca, di certo tutti noi, soggettivamente ed intuitivamente, sappiamo cosa significhi essere senza o pieni di energia.  Se volessimo paragonare l’Energia Vitale a qualcosa che conosciamo meglio, potremmo dire che ciò che maggiormente vi si avvicina è il piano emozionale.

Nel momento in cui viviamo e godiamo di cose belle siamo avvolti da sensazioni positive e questa condizione, lo avrete sicuramente provato in tante occasioni, è quella che ci consente di “sopportare” meglio e senza sofferenza fisica anche le situazioni meno piacevoli che inevitabilmente la vita ci propone.

Al contrario, se viviamo costantemente sommersi da pensieri ed emozioni negative fatichiamo a trovare soluzioni e il nostro corpo si ammala. Allo stesso modo quando ci focalizziamo esclusivamente su ciò che “dobbiamo fare”, sui doveri e le scadenze, accumuliamo lo stress e le tensioni muscolari.

Per vivere sensazioni positive, quindi, dobbiamo prenderci cura della nostra parte sana. Questo ci aiuterà ad affrontare al meglio le eventuali situazioni di disagio perché ci permette di ridurre lo stress e ci mette in comunicazione con la nostra parte interiore. Una parte sana ben curata ci fa assaporare il momento che stiamo vivendo, cogliendo tutte le sfumature emozionali che esso dona. In poche parole prendersi cura della parte sana significa godere della Vita nel momento presente.